(14 feb 2014 , Nayarit), Nuevo Vallarta, Nayarit, Messico – La Seconda Conferenza Internazionale sull’Impatto Umanitario delle Armi Nucleari, si è conclusa oggi con una chiamata dei padroni di casa messicani agli Stati ad avviare un processo diplomatico per il bando le armi nucleari. Oltre 140 governi hanno partecipato da tutte le regioni del mondo.

Con un grande gruppo di paesi che spinge per un trattato di messa al bando delle armi nucleari, l’incontro ha segnato un punto di svolta nel processo per vietare ed eliminare queste armi di distruzione di massa. L’Austria ha annunciato che ospiterà la prossima riunione a Vienna alla fine di quest’anno.

“L’evidenza è chiara. L’impatto sarebbe orribile e non avremo possibilità di intervento. Il rischio di una detonazione è significativo. Ecco perché questa settimana abbiamo sentito crescere il sostegno perché vengano rese illegali”, ha dichiarato Liv Tørres, Segretario Generale della Norwegian People’s Aid. “Ci aspettiamo che gli Stati si impegnino nei negoziati dalla prossima riunione a Vienna.”

Nella sua sintesi di chiusura, il presidente ha richiesto lo sviluppo di nuovi standard internazionali in materia di armi nucleari, tra cui uno strumento giuridicamente vincolante. È giunto il momento, ha osservato, per un processo diplomatico per il raggiungimento di obiettivo, entro un periodo di tempo specificato, individuando la sede più appropriata e sulla base di un quadro chiaro e sostanziale. Nell’auspicare che questo processo sia concluso entro il 70° anniversario dei bombardamenti di Hiroshima e Nagasaki, il presidente ha descritto Nayarit come “il punto di non ritorno”.

Clicca qui per leggere il discorso di chiusura del presidente (in lingua inglese).

L’incontro di Nayarit ha visto gli interventi di agenzie delle Nazioni Unite, rinomate personalità del mondo accademico, ex ufficiali militari e il think-tank britannico Chatham House sul probabile impatto di una detonazione di armi nucleari sul clima del pianeta, sull’agricoltura, sulla salute umana e sulle infrastrutture sociali ed economiche. Eppure, mentre le altre armi di distruzione di massa – chimiche e biologiche – sono già state chiaramente dichiarate illegali, lo stesso non è vero per le armi nucleari. In risposta all’evidente impatto umanitario, molti Stati hanno riconosciuto la necessità di porre in essere un divieto come prossimo passo verso la loro totale eliminazione.

“Il divieto delle armi nucleari è atteso da tempo e le conferenze a Oslo e qui in Messico hanno creato l’opportunità per noi di realizzarlo”, ha detto Ray Acheson di WILPF. “Gli Stati devono cogliere questa opportunità quando si incontreranno a Vienna. La società civile si sta già mobilitando per far sì che questo accada.

fonte: ICAN

Cari Amici, ho appena aderito alla campagna Senzatomica per il sostegno dell’Italia all’abolizione delle armi nucleari. Fallo anche tu: www.senzatomica.it/goodbyenukes/

CONDIVI QUESTO POST COPIANDO ED INCOLLANDO QUESTO LINK SU FACEBOOK

https://www.senzatomica.it/goodbyenukes/