(Mordechai Vanunu) Tecnico nucleare israeliano presso il reattore nucleare di Dimona, Vanunu riteneva che il segreto della produzione a Dimona di plutonio destinato ad armi nucleari dovesse essere reso noto ai cittadini israeliani e al mondo, e quindi per ragioni di coscienza divulgò l’informazione nel 1985. Attirato a Roma da agenti del servizio segreto israeliano, fu rapito e riportato in Israele dove fu processato in segreto, giudicato colpevole e condannato a diciotto anni di reclusione. Vanunu ha trascorso almeno dodici anni in isolamento, mentre in tutto il mondo continuava la campagna d’opinione per la sua liberazione. Adottato da Amnesty International come prigioniero di coscienza, è stato spesso candidato al premio Nobel per la pace.

Cari Amici, ho appena aderito alla campagna Senzatomica per il sostegno dell’Italia all’abolizione delle armi nucleari. Fallo anche tu: www.senzatomica.it/goodbyenukes/

CONDIVI QUESTO POST COPIANDO ED INCOLLANDO QUESTO LINK SU FACEBOOK

https://www.senzatomica.it/goodbyenukes/